Posts byClaudia Segre

Report: Class CNBC Puntata del 6.12.18

Claudia Segre presidente di Global Thinking Foundation partecipa alla puntata di Report del 6 dicembre. Questi alcuni dei temi trattati durante la puntata: Il caso Huawei ribalta i mercati e il fermo di Wenzhou impatta sulle borse, Fitch muove su pil e banche l’effetto sui bond delle italiane, Piazza Affari le storie del giorno.
Leggi tutto…

Fintech e Pagamenti Digitale , una rivoluzione bancaria che e’ già sfida

Nella tradizionale cornice del Pan European Banking Meeting giunto alla sua sedicesima edizione già dal titolo “La Rivoluzione dei Pagamenti nell’UE: PSD2 e digitalizzazione nel sistema bancario italiano al servizio di Industria “ era evidente che l’intento di ASSIOM FOREX fosse non solo quello di approfondire un tema rispondente ad una forte richiesta reveniente dai
Leggi tutto…

Turchia e Qatar, nozze “combinate” mentre l’Iran s’infiamma

Il Qatar sostiene la Turchia con investimenti diretti che allontanano da Istanbul l’arrivo del Fondo Monetario Internazionale ma non risolvono la crisi, con effetti preoccupanti sull’intero scacchiere mediorientale e sulle banche europee anche se non c’è rischio sistemico. Con il peggioramento della crisi turca, gli stress test per il sistema bancario europeo vedono palesarsi buona
Leggi tutto…

Guerra commerciale e tecnologica: Europa assente, Italia alle corde

Di fronte alla guerra commerciale e soprattutto tecnologica che infuria nel mondo l’Europa non tocca palla e l’Italia è allo sbando: improduttivo lo scontro sull’accordo CETA che si allarga pericolosamente anche su JEFTA. Il 17 luglio a Tokio finalmente l’Unione Europea firmerà l’accordo JEFTA, Japan Europe Free Trade Agreement, con il Giappone. Un accordo commerciale
Leggi tutto…

Un G7 dall’aria pesante

Gli Usa saranno il convitato di pietra del G7? A fianco di un peso messicano che crolla ai minimi dell’anno sull’ennesimo “stop” americano alle trattative del NAFTA, pesa come un macigno altrettanto gravoso la lettera di rimprovero scritta dai G6 nei confronti degli USA in vista dell’incontro in Quebec. Una lettera di aperto scontento della
Leggi tutto…

America Latina senza tregua

I mercati emergenti hanno visto negli anni alternarsi fasi di consenso e performance eccellenti a fasi di grandi difficoltà, in particolare in America Latina. I paesi sudamericani sono passati da un periodo di iperinflazione e potere politico autoritario militare negli anni ’80, alle crisi finanziarie degli Stati sovrani degli anni ’90. Un periodo, quest’ultimo, iniziato
Leggi tutto…

Il risiko siriano al centro della geopolitica

Con i mercati emergenti strettamente correlati all’andamento del dollaro Usa, i recenti eventi che vedono le tensioni commerciali e le questioni geopolitiche legarsi inevitabilmente, stiamo assistendo a un paradosso per due Paesi apparentemente sotto pressione ma vincenti per le case internazionali che continuano a mantenerli in “overweight”, con giudizio moderatamente positivo. Russia e Turchia, la
Leggi tutto…

Il vero risiko dei dazi Usa

La recente nomina di Mike Pompeo, ex Direttore della CIA, a capo della diplomazia americana si è realizzata con una tempistica congeniale ai recenti sviluppi della politica estera Usa, quindi in concomitanza con l’annuncio del sempre più probabile incontro tra il Presidente Trump e il dittatore nordcoreano. Le posizioni dichiaratamente avverse al regime di Teheran
Leggi tutto…

Trump fra dazi e Nord Corea: è già campagna elettorale di mid term

Con la sua offensiva sui dazi Trump ha avviato la campagna elettorale di novembre mettendo al centro la difesa dell’industria Usa di fronte al ridimensionamento della globalizzazione e all’avanzata della digitalizazione – Nell’incontro con la Corea del Nord il presidente Usa guarderà anche al Medio oriente mettendo nel mirino l’Iran.   Non c’è dubbio che
Leggi tutto…

May in trincea

La Brexit si complica e il clima conciliante di fine 2017 pare definitivamente accantonato, per lasciare spazio a venti a forte intensità di crisi politica. Proprio oggi, venerdì 2 marzo, la premier britannica terrà un discorso per definire particolari riguardanti i commerci e la sicurezza post-Brexit. Ovviamente non è detto che la UE sia d’accordo.
Leggi tutto…

Petro: la criptocurrency del petrolio, non frena l’ascesa dei prezzi

Che qualcosa sia cambiato nel panorama dei prezzi petroliferi e’ ormai chiaro a tutti da tempo,  e soprattutto ad un anno dalla cosiddetta Dichiarazione di Cooperazione , (JMMC, Joint OPEC-Non-OPEC Ministerial Monitoring Committee) , che sin dal Novembre 2016 ha visto i Paesi OPEC e altri 10 Paesi non aderenti al cartello principale condividere una
Leggi tutto…

Gufi anglosassoni

Dopo l’allarme lanciato dagli strategist di Bank of America e di Citigroup, anche Goldman Sachs si unisce ai “gufi” anglosassoni che, rispolverando vecchi paradigmi riadattati ad una situazione da record dei mercati azionari statunitensi, sono uniti nel predire l’avvicinarsi di un’Apocalisse dei listini.   Ovviamente con un mese di gennaio che si chiude con un
Leggi tutto…

Iran tra crisi economica e corruzione: cosa c’è dietro la protesta

Disoccupazione giovanile oltre il 40%, inflazione che rasenta la doppia cifra, stime arbitrarie sul Pil e deficit di bilancio elevato, ma soprattutto altissima corruzione: sono queste le cause all’origine dei moti di protesta in Iran, che presentano rischi ma anche opportunità di cambiamento di fronte al fallimento del potere teocratico e alla ricerca di nuove
Leggi tutto…

Uno sguardo al 2018

Prima dello sbarco sulla Luna, Trump spinge sul Fisco agevolato, con tassi al rialzo e mercati in movimento. Nulla possono le accuse di alcuni Paesi UE contro l’applicazione della riforma fiscale americana voluta dall’amministrazione Trump. Gli effetti attesi della riforma, infatti, già da tempo stanno influenzando le scelte di investimento nei confronti dei mercati statunitensi, in particolare rivolgendosi direttamente
Leggi tutto…

Brexit e finanza: la mina dei derivati su banche e mercati

La perdita nel marzo 2019 del passaporto europeo sui servizi finanziari dell’UK apre l’incognita dei derivati: entro ottobre 2018 bisogna trovare una soluzione che salvaguardi tutte le banche, non solo quelle inglesi.   Come in tutte le separazioni frutto di lunghe trattative, le versioni dell’agognato accordo dell’ultimo minuto sulla Brexit, concluso solo per evitare il
Leggi tutto…

Fine dei giochi per Maduro, gli Emergenti tremano

L’annuncio del presidente venezuelano sulla ristrutturazione del debito per tentare di evitare il default ha squarciato il velo sui mercati emergenti che erano tornati alla ribalta dopo gli Annual Meetings del Fondo Monetario ma che nell’ultimo mese hanno subito forti deflussi di capitali soprattutto in Asia Il presidente venezuelano Maduro ha chiesto di ristrutturare il
Leggi tutto…

Abe a cavallo dell’atomica

Da più parti gli analisti si orientano per un risultato “a rischio” sulle prossime elezioni giapponesi indette dal premier Shinzo Abe dopo lo scioglimento del parlamento il 25 Settembre. La campagna elettorale inizierà la prossima settimana in vista delle elezioni fissate per il 22 ottobre. Abe cavalca la minaccia nordcoreana che gli ha dato l’opportunità
Leggi tutto…